bottegafilosofica - Il mentor: le skill

Breadcrumbs

A prescindere dall’importanza, già riconosciuta, di caratteristiche e attitudini, il mentoring richiede una serie di specifiche skill per il ruolo di mentor.

Abbiamo già visto come il valore e l’efficacia del mentoring siano riconosciuti e apprezzati su scala mondiale e quanti siano i settori in cui viene applicato.

Oggi entriamo nello specifico del processo vero e proprio, a partire dal livello di consapevolezza del mentor rispetto alle proprie attitudini e skill.

A prescindere dall’importanza, già riconosciuta, di caratteristiche e attitudini, il mentoring richiede una serie di specifiche skill per il ruolo di mentor.

Come individuarle?


Come si fa a capire se si è pronti per essere un mentor?

Ci sono diversi modi.

Intanto è bene approcciare a questa valutazione svolgendo una serie di attività preventive:

  • riflettere su una relazione di mentoring che esiste già e che si ha la possibilità di osservare
  • confrontarsi con chi sta già svolgendo un ruolo di mentor
  • avere cosapevolezza delle differenze tra mentoring e management
  • saper distinguere il mentoring da altre relazioni di aiuto come coaching, counselling, appraisal
  • analizzare la propria esperienza di mentee

Entrando nello specifico delle skill vere e proprie, un aspirante mentor deve essere consapevole di avere o meno:

  • una buona empatia, che consente di entrare in relazione con il mentee e poterlo realmente guidare nel conseguimento degli obiettivi individuati.
  • un autentico interesse verso l’altro e le sue esigenze
  • la flessibilità e la capacità di mettersi in discussione per poter essere un buon supporto
  • una forte attitudine all’ascolto
  • un ricco bagaglio di esperienze e una trasversalità di competenze professionali
  • una conoscenza dettagliata del contesto organizzativo
  • un senso di consapevolezza e coerenza nei confronti dei valori dell’organizzazione e della sua missio
  • la disponibilità a dedicare tempo e volontà nel percorso di sviluppo del mentee.

Riflettere su questi elementi è un valido punto di partenza per comprendere se si è pronti per svolgere il ruolo di mentor oppure se c’è ancora qualche abilità da affinare.