Camminando si fa il cammino

condividi l'articolo su:

La poesia di un grande poeta, Antonio Machado, per ricordarci che solo iniziando a camminare nella direzione che abbiamo scelto prenderà realtà la strada da percorrere, passo dopo passo.

 

"Tutto passa e tutto rimane

però il nostro è passare,

passare facendo cammini

cammini sopra il mare.

 

Mai ho cercato la gloria,

né di lasciare il mio canto

alla memoria degli uomini;

io amo i mondi delicati,

lievi e gentili

come bolle di sapone.

 

Mi piace vederle quando si colorano

di giallo e carminio, volare

sotto il cielo azzurro, tremare

d'improvviso e poi scoppiare.

 

Mai ho cercato la gloria.

 

Viandante sono le tue impronte

la via e nulla più:

viandante non c'è un cammino

si fa il cammino camminando.

 

Camminando si fa il cammino

e voltando indietro lo sguardo

si vede il sentiero che mai

si tornerà a calcare.

Viandante non c'è un cammino

ma scia sul mare…..

 

Qualche tempo fa in questo luogo

dove oggi i boschi si vestono di spine

si sentì la voce di un poeta gridare

"Viandante non c'è cammino

la via si fa con l'andare..."

 

Colpo dopo colpo, verso dopo verso ...

 

Morì il poeta lontano dal focolare.

Lo copre la polvere di un paese vicino

Al momento dell'addio lo videro piangere.

"Viandante non c'è un cammino

la via si fa con l'andare..."

 

Colpo dopo colpo, verso dopo verso ...

 

Quando il cardellino non può cantare

quando il poeta è un pellegrino.

Quando a nulla ci serve pregare.

"Viandante non c'è cammino

la via si fa con l'andare..."

 

Colpo dopo colpo, verso dopo verso ...

 

Perché chiamare cammini

i solchi del caso?

Tutto quello che cammina va

come Gesù, sopra il mare

 

Viandante, sono le tue impronte

il cammino e nulla più;

Viandante non c'è un cammino

la via si fa con l'andare...

 

Camminando si fa il cammino

e girando indietro lo sguardo

si vede il sentiero che mai

si deve tornare a calpestare.

 

Viandante non c'è un cammino

Ma le stelle nel mare".

 

Antonio Machado, Cantares​, in Proverbi e canzoni, XXIX